Descrizione immagine


25/02/2019

                     

                     Ciclismo

 

Bugno invita un corridore per squadra a partecipare al Comitato Direttivo del CPA

 

Questa  settimana  a Kortrijk, in Belgio, si terrà il Comitato Direttivo dell’Associazione Internazionale dei Corridori. Per giovedì 28 febbraio e venerdì 1° marzo Gianni Bugno ha allargato l’invito oltre ai consiglieri CPA, a un rappresentante per squadra di tutti i team. Non era mai accaduto prima. 

«Gli incontri con i corridori dei mesi scorsi sono stati efficaci. Vogliamo un dialogo diretto con i ragazzi e le ragazze che fanno parte del gruppo, il nostro lavoro deve essere il più trasparente e aperto possibile, visto che è svolto unicamente nel loro interesse. La creazione di nuove associazioni nazionali da inglobare nel sindacato internazionale è fondamentale» spiega il presidente del CPA, che con il suo staff si sta battendo per aumentare la rappresentatività del sindacato nelle diverse nazioni.

L’ordine del giorno prevede l’approvazione del piano di bilancio, una discussione sulla richiesta dell’aumento dei premi, sulla rivalutazione del fondo di transizione e sull’accordo paritario, un confronto sulla Riforma UCI e sulle nuove normative già entrate in vigore quest’anno. «Nello scorso consiglio del ciclismo professionistico abbiamo evidenziato all’Unione Ciclistica Internazionale come il nuovo regolamento preveda multe troppo severe. In seguito alle numerose critiche segnalateci dai corridori, abbiamo chiesto una revisione delle ammende ingiuste e ottenuto un gruppo di lavoro per ridiscuterne l’entità» aggiunge Bugno. 

«Come promesso abbiamo anche incontrato i responsabili della Cycling Anti-Doping Foundation (CAFD), ai quali avevamo segnalato casi di non rispetto della privacy degli atleti. Ci hanno assicurato che sono già stati interrotti i rapporti con i controllori che non si sono comportati in modo conforme ai protocolli e che stanno lavorando per migliorare l’app dell’Adams che gli atleti usano per dare la loro reperibilità per i controlli a sorpresa. Stiamo lavorando per migliorare la comunicazione e il confronto con e per i corridori con tutte le parti. Gli atleti devono essere i primi ad essere più attivi e partecipi alla vita dell'associazione» continua Bugno.

I partecipanti alla riunione parleranno anche della crescita del settore femminile, della divisione Continental e delle nuove opportunità di business per gli atleti. Verranno illustrate inoltre novità come quelle legate alla gestione premi e ai progetti sicurezza, che restano un cardine della politica dell’associazione. A questo proposito il CPA nei giorni scorsi a Milano ha incontrato Vincent Jourdain, road manager - race operation UCI, e Robbie Hunter, technical advisor alla sicurezza della federazione internazionale, per poter unire le forze ed evitare problemi capitati in passato alle corse, attraverso un confronto franco e preventivo alle competizioni

Descrizione immagine


25/02/2019

                     

                     Ciclismo


Trofeo Binda e trofeo Da Moreno; il prossimo 24 marzo al via tutte le migliori squadre di club e squadre nazionali al mondo

Sarà un’edizione da ricordare “Spero vinca un’italiana”, ha sottolineato Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

 

Il prossimo 24 marzo in provincia di Varese al via del 21° Trofeo Binda - Comune di Cittiglio - 3^ PROVA UCI Women’s World Tour Femminile, riservata alla categoria Donne Elite, e del 7° Trofeo Da Moreno - Piccolo Trofeo Binda 1^ prova UCI Nations’ Cup Junior Femminile riservata alla categoria Donne Junior ci saranno tutte le migliori squadre di club e tutte le migliori nazionali al mondo. La conferma è giunta ieri sera a Barza di Ispra, durante la serata di gala con Mario Minervino, presidente della Cycling Sport Promotion, che ha presentato il programma dei due eventi: “Devo sottolineare – ha dichiarato il presidente della FCI e vice presidente UCI , dott. Renato Di Rocco, che questa organizzazione è ritenuta la migliore al mondo”. Una serata dagli effetti speciali per la presenza di Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che queste zone le conosce benissimo: “Vivo a 10 km da qui e voglio testimoniare il valore di queste corse che si sono affermate tra gli eventi mondiali più importanti. Merito del Comune di Cittiglio che così mantiene il ricordo di un cittadino illustre come Alfredo Binda, di tutto il territorio e degli organizzatori. Spero vinca un’italiana e sono felice che ci sia la copertura televisiva. Ringrazio Minervino per il lavoro che svolge nel ciclismo femminile, maschile e per il progetto di formazione indirizzato ai bambini”.

“Abbiamo ricevuto una richiesta massiccia di partecipazione e siamo nella condizione di dire che in gara ci saranno tutte le migliori atlete, nessuna esclusa – ha sottolineato Mario Minervino- . Abbiamo la fortuna di vivere un territorio molto sensibile, ad iniziare da Cittiglio e Taino e da tutti i comuni lungo il percorso. Quest’anno il programma sarà ancora più bello perché per la prima volta alla vigilia presenteremo anche le ragazze junior oltre alle elite. Poi la festa continuerà con la risottata per tutti. Dopo il 24 marzo organizzeremo la gara per U23 a Taino; ci teniamo molto ai bambini del progetto “Pedala, Pedala in Sicurezza” e il programma dedicato a loro è cresciuto. Devo testimoniare che il territorio risponde sempre meglio e sostiene con entusiasmo crescente le corse organizzate dalla Cycling Sport Promotion. Un particolare ringraziamento lo rivolgo alle Forze dell’Ordine, a tutti i volontari e ala RAI che manderà in onda in presa diretta, dalle ore 14.45 alle ore 16.15, le immagini della gara con telecronaca di Stefano Rizzato e commento tecnico di Giada Borgato. Voglio annunciare anche che la sala stampa quest’anno sarà dedicata a Giuseppe Castelli, giornalista-fotografo venuto mancare in estate, sempre presente alle gare organizzate dalla Cycling Sport Promotion”.

Renato Di Rocco, presidente della FCI e vice presidente dell’UCI: “Lo scorso anno il ciclismo femminile italiano ha conquistato un numero eccezionale di medaglie, la metà di tutte quelle ottenute dal ciclismo che annovera anche gli uomini e il settore paralimpico. Abbiamo sempre investito nel ciclismo femminile e continuiamo a farlo. Stiamo andando vero la piena parità fra World Tour femminile e maschile e questo comporta dei sacrifici, ne sono consapevole. Per me c’è grande soddisfazione nel presentare le gare di Mario Minervino; la sicurezza e l’attenzione per i particolari sono le qualità migliori di queste corse, oltre al grande lavoro di promozione che si fa. Minervino ha sempre allargato il raggio d’azione e mi piace moltissimo la politica di educazione stradale per i bambini. Ringrazio infine i sindaci per il lavoro che fanno per allargare gli spazi dedicati al ciclismo”.


 


Image description


25/02/2019

                     

                     Volley


Milano si regala la sua notte da oscar: secco 3-0 a Verona

Nona sinfonia suonata dalla Revivre Axopower: 45 punti in classifica e corsa al quarto posto con Modena



VERONA – Milano suona la nona sinfonia e si regala una notte stellare. Un secco 3-0 che la Revivre Axopower porta via da Verona trovando il successo consecutivo numero 9 ed issandosi a 45 punti in classifica. La squadra di Giani si aggiudica così il big match di giornata, affondando una diretta concorrente come la Calzedonia (ora distante 8 punti) e continua il viaggio in classifica in coabitazione con Modena al quarto posto, con la squadra emiliana vincitrice 3-1 su Vibo Valentia.

Nella notte degli oscar, la Powervolley si prende i riflettori della serata e sfila sul red carpet dell’AGSM Forum di Verona. Piano e compagni chiudono la pratica veneta in tre set (26-24, 25-15, 25-19), trovando la svolta del match proprio nel primo parziale. Una partita combattuta solo nel primo game, con Verona a scappare via sul +5 (18-13), ma questa volta i ragazzi di Giani non si sono disuniti e con Hirsch in battuta hanno avuto la capacità di rimanere attaccati al confronto, trovando finanche la forza per chiudere il set ai vantaggi. È l’episodio decisivo che sveglia la determinazione ambrosiana, che gioca le sue carte a servizio (ben 9 ace contro 1 di Verona), mettendo in profonda crisi la seconda linea dei padroni di casa. Ma Milano non è solo servizio, perché sia Pesaresi che lo stesso Sbertoli si esibiscono in spettacoli difese che esaltano i compagni che non sbagliano un colpo. Sugli scudi Nimir Abdel Aziz, MVP del match con 15 punti ed il 65% in attacco, ma sono di nuovo tre i giocatori che il palleggiatore milanese porta in doppia cifra: insieme all’opposto olandese, anche Maar (13 punti con 4 muri punto) e Clevenot (13 punti con la diagonale finale). Esulta Milano e vola in classifica, trovando la nona gioia consecutiva, viatico migliore per affrontare il ciclo di ferro delle ultime quattro sfide in cui Piano e compagni dovranno vedersela con Trento, Civitanova, Vibo e Perugia«E’ stata una vittoria importante perché ci aspettavamo una gara difficile contro avversario in fiducia  - commenta l’ex di turno Nicola Pesaresi -. Verona lo ha dimostrato nel primo set, ma noi siamo riusciti a rimanere in partita e grazie a Hirsch in battuta abbiamo avuto la possibilità di non mollare, vincere il parziale che ci ha dato fiducia per giocare sempre meglioi. È stata poi una gara in discesa, con grande merito nostro di non permettere a Verona di ritornare in gara». Inizia così nel migliore dei modi il ciclo duro che aspetta la Revivre Axopower nelle prossime sfide, ma sul palcoscenico dell’arena veronese è ancora una volta Milano a prendersi le luci della ribalta.


IL TABELLINO

Calzedonia Verona - Revivre Axopower Milano: 0-3

Parziali: 24-26, 15-25, 19-25

Calzedonia Verona: Pinelli, Giuliani (L), Kaziyski 9, Alletti 3, De Pandis (L), Marretta 1, Birarelli 4, Boyer 13, Spirito 2, Manavinezhad 5, Sharifi, Solè 3. N.e.: Magalini. All. Grbic.

Revivre Axopower Milano: Nimir Abdel Aziz 15, Kozamernik 6, Izzo, Sbertoli 1, Maar 13, Hirsch 4, Piano 5, Bossi 1, Clevenot 13, Pesaresi (L). N.e.: Hoffer (L), Basic, Gironi. All. Giani

NOTE

CALZEDONIA VERONA: 4 muri, 1 ace, 13 errori in battuta, 44% in attacco, 31% (21% perfette) in ricezione.

REVIVRE AXOPOWER MILANO: 6 muri, 9 ace, 11 errori in battuta, 55% in attacco, 43% (21% perfette) in ricezione.



Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

 

25/02/2019

                      Motori




FERVE L’ATTESA PER IL RALLY INTERNAZIONALE DEI LAGHI

 

Continuano ad arrivare le iscrizioni all’Asd Rally dei Laghi per la gara che si svolgerà il 17 marzo prossimo. Desta interesse e curiosità lo spettacolare prologo del San Michele che al sabato sarà lo Shake Down. Andrea Crugnola sarà apripista.

 

Varese- Il Rally Internazionale dei Laghi è una delle prime gare titolate della stagione: primo round della Zona 2 della neo nata Coppa Rally, la corsa varesina ha già aperto le iscrizioni da dieci giorni e iniziano a giungere adesioni da ogni parte d’Italia e non solo.

Limite massimo per poter aderire alla gara organizzata dall’equipe capitanata da Andrea Sabella è il giorno 1 marzo alle ore 18.00; il rally sarà valevole per tre specialità: oltre al moderno, spazio anche alle vetture storiche e a quelle della regolarità a media.

 

Sabato tutti sul San Michele- La novità del 2019 è legata al ritorno del San Michele, prova speciale presente nelle corse varesine già dalle prime edizioni negli anni ’70 del Rally Aci Varese ed eredità del 333’. Quest’anno un tratto della salita che da Brissago Valtravaglia conduce all’abitato di San Michele è stato scelto come Shake Down per dare modo così ai concorrenti di testare le vetture. “Si tratta di un pezzo di strada molto noto agli appassionati della zona” racconta il promoter Andrea Sabella “ed era nostra intenzione riproporlo già da tempo ma degli smottamenti franosi ce lo avevano impedito.

Il tratto selezionato si inserisce perfettamente nel resto del programma sportivo giacché la conformazione della strada e del fondo asfaltato è in linea con le caratteristiche delle prove speciali della domenica: un ottimo modo per testare a modo le vetture prima della competizione!

 

Iscrizioni aperte e… un apripista doc- Al momento sono una trentina le iscrizioni pervenute al comitato organizzatore. Se non trapelano nomi dalla segreteria, è però certo che non sarà al via Andrea Crugnola (vincitore nel 2012 e 2017): il talentuoso driver di Calcinate del Pesce che pochi giorni fa ha annunciato la sua partecipazione al Campionato Italiano su una WV Polo R5, sarà infatti apripista sulla vettura 0 insieme all’amico manager Fulvio Solari.

 


21/02/2019

                      Motori



LA SESTA EDIZIONE DEL RALLY 2LAGHI-CITTÀ DI DOMODOSSOLA RISERVERÀ GRANDI CAMBIAMENTI

Nuove prove speciali per la corsa ossolana organizzata dalla New Turbomark: rispetto allo scorso anno cambiano due prove speciali su tre.


Domodossola – La Scuderia New Turbomark sta per cambiare l’orientamento rallystico del VCO. Dopo aver annunciato l’acquisizione del Rally delle Valli Ossolane e del RallyDay dell’Ossola, il gruppo sportivo capitanato dalla famiglia Zagami è pronto a mettere nuova carne al fuoco in occasione del prossimo Rally dei 2Laghi, gara che avrà la città di Domodossola ancora al centro delle operazioni durante il fine settimana de 13 e 14 aprile.

Prove Speciali- Se il faro guida rimane inalterato rispetto alle ultime edizioni, non si può dire altrettanto delle prove speciali: il comitato organizzatore ha infatti eliminato due prove su tre confermando la sola Montecrestese. Fuori dunque Lusentino e Calasca e dentro due speciali pronte a far parlare molto di sé: torna dopo quindici anni la Ps Antrona mentre inedita sarà la San Domenico, tratto in salita celebre per essere la principale connessione con l’Alpe Veglia e, nella stagione invernale, con una delle principali stazioni sciistiche del Piemonte Orientale. La gara, che si conferma nel formato RallyDay, valorizza la sua compattezza ma soprattutto un territorio montano sempre pronto a destare l’interesse di quel turismo sportivo che sta diventando sempre più un traino capace di affiancare il già forte settore secondario.

Iscrizioni da metà marzo Per poter partecipare alla gara occorre inviare le iscrizioni presso la segreteria della New Turbomark a partire da mercoledì 13 marzo; ci sarà tempo fino a venerdì 5 aprile.

Dichiarazioni“Siamo davvero soddisfatti per queste importanti modifiche apportate al 2Laghi perché sono frutto di un importante lavoro di rete svolto negli anni – racconta Giuseppe Zagami, anima della New Turbomark. La collaborazione con la Città di Domodossola è sempre fattiva e si pone come esempio per i comuni limitrofi: per questo ci tengo a ringraziare sin da ora il sindaco Lucio Pizzi e l’assessore allo sport Angelo Tandurella. Come detto però, un grazie va anche a chi ha “cercato” e voluto questo rally e mi riferisco nello specifico al sindaco di Borgomezzavalle Alberto Preioni, di Antrona Schieranco Claudio Simona, di Varzo Bruno Stefanetti e di Trasquera Arturo Lincio; hanno capito anche loro che lo sport dei motori è un ottimo volano per animare le valli ed i paesi situati ai lati del Toce!”


21/02/2019

                      

                     Ciclismo


 

"Siamo sulla stessa strada: rendiamola sicura"

 

 

#SiamoSullaStessaStrada corre veloce. Se sulla strada questo sarebbe causa di dolore e morte, oltre che un reato, sul web è un'ottima notizia. Per tutti.
La petizione lanciata su
change.org dall'Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani con Fondazione Michele Scarponi e Marina Romoli Onlus ha raccolto più di 1.000 firme in 24 ore e oltre 15.000 in 10 giorni.
Oltre ai testimonial del mondo delle due ruote, guidati dal campione europeo nonchè vicepresidente ACCPI Matteo Trentin e dal tricolore Elia Viviani, la stanno sottoscrivendo anche personaggi che della bici sono semplici appassionati e utilizzatori.
Tra gli altri ci hanno messo la faccia il noto deejay Benny Benassi, che conosce bene la violenza stradale visto che negli anni scorsi è stato coinvolto in più di un incidente stradale in sella alla sua bici; la showgirl Justine Mattera, mamma e moglie di ciclisti, oltre che pedalatrice in prima persona; e l'attore, comico e conduttore televisivo Paolo Kessisoglu, che macina tanti chilometri quanti minuti sul piccolo e grande schermo.
Chi usa la bici, come mezzo di trasporto, lavoro o diletto, e sogna strade più sicure sta sostenendo la raccolta firme che chiede una modifica del codice della strada per garantire una maggiore tutela agli utenti più deboli.
Come ha ricordato Marco Scarponi, fratello di Michele, domenica scorsa in occasione della presentazione dell'iniziativa al CosmoBike Show di Verona: «Sulla strada non vince chi arriva primo, ma vinciamo se arriviamo tutti sani e salvi».
Se non l'hai ancora fatto, firma 
“Siamo sulla stessa strada: rendiamola sicura”.



Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

        

Firenze Rocks 2019: le date e i primi ospiti


Dopo il successo della seconda edizione, la manifestazione più rock della città annuncia il ritorno anche il prossimo anno, sempre alla Visarno Arena, e i primi concerti in programma


Firenze Rocks, dopo aver portato in città star internazionali e oltre 350mila spettatori anche dall’estero, tornerà sempre alla Visarno Arena, per il terzo anno consecutivo. A poco più di due mesi e mezzo dalla fine dell’ultima edizione, sono già state annunciate le date di Firenze Rocks 2019 e i primi 

The Cure a Firenze Rocks 2019

I primi headliner annunciati dell’edizione 2019 sono The Cure: la band inglese, che ha in serbo un nuovo album proprio l'anno prossimo, salirà sul palco dell'ippodromo del Visarno per un concerto in programma durante l'ultima giornata del festival domenica 16 giugno 2019.
I biglietti sono disponibili in anteprima esclusiva tramite l’APP ufficiale di Firenze Rocks a partire dalle ore 11.00 di martedì 2 ottobre 2018. Per tutti gli altri la prevendita dei biglietti per il concerto dei Cure partirà dalle ore 12.00 di mercoledì 3 ottobre su Ticket Master, TicketOne e in tutti i punti vendita autorizzati.

Nel corso della loro carriera, The Cure hanno cambiato 13 membri. La formazione attuale vede sul palco Robert Smith (voce e chitarra), Simon Gallup (basso), Jason Cooper (batteria), Roger O’Donnell (tastiere) e Reeves Gabrels (chitarre).

Ed Sheeran

Ed Sheeran è l'headliner invece della seconda giornata di Firenze Rocks, venerdì 14 giugno. I tagliando sono disponibili dalle 11:00 di lunedì 1 ottobre, in anteprima tramite l'App ufficiale di Firenze Rocks e poi, per tutti, tramite i tradizionali canali di vendita, dalle 12.00 di martedì 2 ottobre .


Il festival si svolgerà su quattro giornate, da giovedì 13 a domenica 16 giugno 2019 all’ippodromo del Visarno. La line-up e il programma vengono svelati settimana dopo settimana, ma la manifestazione promette


Eros Ramazzotti ha annunciato i concerti del Vita ce n’è World Tour 2019

 

 

L’annuncio che tutti aspettavano è arrivato: in diretta sui suoi social Eros Ramazzotti ha comunicato le date del tour che lo porterà di nuovo in giro per il mondo nel 2019 e seguirà la pubblicazione del nuovo album Vita ce n’è, che esce il 23 novembre.

“Sto lavorando a questo disco da un anno e mezzo insieme ai miei collaboratori, che ormai sono diventati amici, se non fratelli. Il disco è importante per me, perchè è alla soglia dei 55 anni, per cui ha un valore aggiunto molto forte” ha spiegato. E aggiunto che il titolo riassume “un messaggio positivo” in questo preciso “momento storico. Ogni volta che faccio un album impiego tanto tempo perché lavoro molto sui particolari. Spero che piaccia”.

Il Vita ce n’è World Tour 2019 parte il 17 febbraio da Monaco di Baviera e la scelta di questa città non è stata casuale: “È una città a me molto cara, nel 1984 ho iniziato qui il mio tour” ha detto. Resta tra Germania e Lussemburgo in febbraio, poi si sposta in Italia e nel resto d’Europa tra marzo e aprile, prima di trasferirsi in Nord e Sud America a maggio e giugno per poi tornare nel Vecchio Continente dopo l’estate.

Nel nostro Paese, toccherà solo Torino, Milano e Roma, ma c’è da scommettere che il cantautore romano non mancherà di fare tappa anche nelle altre città della Penisola.

Eros Ramazzotti, le date del tour 2019

2 marzo: Torino, Pala Alpitour
5 marzo: Milano, Mediolanum Forum
6 marzo: Milano, Mediolanum Forum
8 marzo: Milano, Mediolanum Forum
9 marzo: Milano, Mediolanum Forum
12 marzo: Roma, Palalottomatica
13 marzo: Roma, Palalottomatica
15 marzo: Roma, Palalottomatica
16 marzo: Roma, Palalottomatica

I biglietti sono disponibili in vendita generale sul sito di TicketOne e tramite Call Center dalle ore 10.00 di giovedì 13 settembre. In presale esclusiva Spotify, dalle ore 20.00 di lunedì 10 settembre fino alle ore 23.59 di mercoledì 12 settembre.

              

              

 

Slash è ancora una sentenza: il Rock è vivo e lotta insieme a noi


Sono passati quattro anni da World On Fire. Nel mezzo la reunion dei Guns N’ Roses. Tour in ogni parte del mondo insieme ad Axl e Duff, nei palazzetti e all’aperto. Anche due date italiane a Imola e Firenze, seguite in complesso da 150.000 fan. Roba da fiaccare la resistenza fisica e psichica di chiunque. Non Slash, uno che ha sempre messo al primo posto il proprio viscerale amore per la chitarra, per il rock, per il blues e in generale per la Musica.

L’annuncio del ritorno con Myles Kennedy e i Conspirators aveva spiazzato i fan. Sembrava troppo presto rispetto alla conclusione (temporanea?) degli impegni coi GnR. E invece no. Living The Dream prosegue da dove World On Fire si era fermato. Il disco è più asciutto ed essenziale, ha meno tracce, è denso di blues e su un impatto più grezzo e frontale.

Le prime quattro tracce sono una manata in faccia esagerata, Slash e soci piazzano tutto il meglio possibile nel quarto d’ora iniziale: ritmi elevati, riff e virtuosismi vocali di Myles, chorus pazzeschi. Sembra che Slash voglia rassicurarci: ragazzi non credete alle stronzate che leggete in giro, il Rock è vivo e lotta insieme a noi. Potrà sembrare superfluo ma ogni tanto anche noi, vecchi disillusi e nostalgici, abbiamo bisogno di conferme. Questo disco ce le fornisce tutte subito, con pochi fronzoli e senza girarci intorno.

I brani successivi sono pezzi di facile fruizione, mid-tempo groovy e ballatone comprese, come la struggente The One You Loved Is Gone e The Great Pretender, che vanta anche un assolo favoloso. La chiusura con la trascinante Boulevard of Broken Hearts (uno dei pezzi preferiti di Myles, leggete qui l’intervista) ci permette di affrontare a testa alta un periodo in cui certa musica viene considerata troppo vecchia e inadeguata per i tempi che corrono.

Slash riesce nuovamente a confermare il proprio ruolo centrale nell’universo rock degli ultimi decenni, grazie a un disco tutto cuore, summa del pensiero di un appassionato di certe sonorità e impreziosito dall’ugola d’oro di Myles Kennedy. I Conspirators sono oramai una band fatta e finita, Living The Dream ne è l’ennesima conferma.